Vigneti delle Dolomiti IGT “Pietragrande” 2020 – Tenuta Margon, Tenute Lunelli

9,80 

PossibilitĂ  di ritiro del prodotto presso
DisponibilitĂ : 19 disponibiliAvailability: 19 disponibili Categorie: , ,
Brand: tenute-lunelli
Annata: 2020
Denominazione: Vigneti delle Dolomiti IGT
Vitigni: chardonnay 80%, sauvignon, incrocio manzoni e pinot bianco 20%
Alcol: 12%
Formato: 0.75l
Allergeni: Solfiti
Temperatura di servizio: 10/12 °C
Tipologia: Bianco
Abbinamenti: Antipasti di terra, Primi di terra, Secondi di pesce
Confronta Confronta

Descrizione

Vigneti delle Dolomiti IGT “Pietragrande” 2020 – Tenuta Margon, Tenute Lunelli

NOTE DI DEGUSTAZIONE

Giallo paglierino. Naso fruttato di mela, pera, agrumi, pesca bianca, su base floreale e delicatamente minerale. Il sorso è piacevole, con richiami sapidi e finale morbido.

Molto piacevole questo Vigneti delle Dolomiti IGT “Pietragrande” della Tenuta Margon che rappresenta perfettamente il territorio trentino da cui proviene, con quegli aromi di fiori d’altura, quel tratto sapido e diretto al sorso, tipico di un vino di montagna prodotto a base chardonnay e sauvignon blanc, estremamente rappresentativo, quasi didattico. Un vino che fermenta in acciaio, mantenendo integri i varietali dei vitigni, che può accompagnare un aperitivo con gli amici, o – dopo il primo accattivante sorso – sceglierlo a tutto pasto.

La famiglia Lunelli, che dagli anni Ottanta ha legato indissolubilmente il proprio nome al Trento DOC con la cantina Ferrari, si è dedicata in seguito a un’ampia produzione sotto la visione lungimirante del gruppo Lunelli con una collezione di altre tre cantine in zone particolarmente vocate all’enologia italiana: la Tenuta Margon in Trentino, la Tenuta Pordenovo in Toscana e la Tenuta Castelbuono in Umbria.
Villa Margon, sede di rapprensentanza del Gruppo nell’elegante complesso cinquecentesco di Ravina, dà il nome all’interessante produzione della Tenuta Margon dove lo chardonnay, vitigno principe, trova massima espressione nell’ultimo nato, il Pietragrande, erede di quella lunga esperienza maturata in tutti questi anni con tale vitigno. ll Maso Montalto, invece, racconta l’eleganza del pinot nero di montagna, l’enfant terrible in chiave trentina, che viene coltivato in un vigneto storico della famiglia, dominato da una parete rocciosa di oltre mille metri.
La Tenuta Podernovo, altro figlio venuto alla luce per volere della famiglia Lunelli, è uno splendido poggio vitato nel comune di Terricciola, in Toscana, che gode di un microclima ideale, su terreni composti di sabbie e depositi fossili, ottimali per la coltivazione della vite. I vini di questa meravigliosa tenuta, costruita utilizzando pietre locali che l’hanno perfettamente integrata nell’ambiente naturale, sono il Teuto, lavorato per 20 mesi in botte grande, e l’Aliotto, ottenuto da un uvaggio composto per il 60% di sangiovese, e per il resto di cabernet, merlot ed altre uve locali. Toscani sì, ma con una mentalità trentina.
Nel 2001, con Tenuta Castelbuono, è invece il turno di una terra antica e quasi mistica come l’Umbria; affascinata da questo territorio, la famiglia Lunelli ha concentrato i propri sforzi sui vigneti, tutti convertiti al biologico, e in seguito ha dato il via alla costruzione di una eccezionale cantina, realizzata nientemeno da Arnaldo Pomodoro, uno dei maggiori artisti contemporanei, fraterno amico di famiglia. La cantina il “Carapace”, nome dato dallo stesso Pomodoro, è un’opera unica, che sfida i confini tra scultura e architettura, una “cantina non cantina” che ha richiesto ben sei anni di studi e lavori, inaugurata nel 2012.

.

Informazioni aggiuntive

Peso 2 kg
Dimensioni 10 × 10 × 25 cm
Brand

Tenute Lunelli

Ti potrebbe interessare…